Cos’è Apostille? Convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961

Cos’è l’Apostille, a cosa serve e che caratteristiche ha? Convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961

L’Apostilla è una certificazione che convalida, con pieno valore giuridico, sul piano internazionale l’autenticità di qualsivoglia atto pubblico, e in particolare di un atto notarile. Più precisamente l’Apostille è un’annotazione a forma di timbro da parte di un’autorità, identificata dalla legge di attuazione della Convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961. Con l’apposizione dell’Apostille si sostituisce la classica procedura di legalizzazione di un documento attraverso l’ambasciata o il consolato dello Stato in cui verrà utilizzato. Questo timbro apposto dalle autorità competenti e intesa come legalizzazione di un documento, ha validità nei Paesi che hanno sottoscritto la  Convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961. Sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale è possibile consultare il testo della Convenzione dell’Aia in lingua italiana.

A cosa serve l’Apostille?

La Convenzione si applica agli atti pubblici che sono stati redatti sul territorio di uno stato che ha sottoscritto la Convenzione e che devono essere presentati presso un altro stato contraente. Quindi, se una persona ha bisogno di legalizzare in Italia un certificato di nascita rilasciato da un altro paese che ha aderito alla Convenzione dell’Aia, non deve più seguire la procedura di legalizzazione presso l’ambasciata italiana, ma può recarsi presso l’autorità del paese di rilascio per ottenere l’annotazione dell’Apostille sul certificato per poi tradurlo e asseverarne la traduzione.

I documenti, atti pubblici come definito nella Convenzione, che possono essere Apostillati sono:

  • documenti emananti da un’autorità o da un funzionario sottoposto ad una giurisdizione dello Stato, compresi quelli che emanano dal Ministero pubblico, da un cancelliere o da un usciere di giustizia;
  • documenti amministrativi;
  • atti notarili;
  • dichiarazioni ufficiali, quali menzioni di registrazione, visti per data certa e certificati di firma, posti su un atto privato.
    Non possono essere Apostillati documenti compilati da agenti diplomatici o consolari e documenti amministrativi concernenti direttamente un operazione commerciale o doganale.

Convenzione dell'Aia Apostille_Mediazione LInguisticaQuindi quel documento, anche se redatto nella lingua di un diverso Paese, deve essere a fortiori, ritenuto valido dalla legge italiana, essendo sufficiente la traduzione giurata in italiano per farlo valere di fronte alle autorità italiane. La Convenzione riguarda, specificamente, l’abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri, tra cui rientrano i documenti amministrativi rilasciati da un’autorità o da un funzionario dipendente da un’amministrazione dello Stato, compreso il Pubblico Ministero, il cancelliere o l’ufficiale giudiziario, nonché gli atti notarili.

La gamma di documenti legalizzati mediante apostille, da parte delle autorità interne dello Stato di provenienza, può riguardare anche i rapporti giuridici familiari o di parentela, le dichiarazioni ufficiali indicanti una registrazione, un visto di data certa, un’autenticazione di firma, apposti su un atto privato.

Caratteristiche dell’Apostille, i 10 punti obbligatori 

In pratica, l’Apostille è un timbro rettangolare composto da 10 punti numerati e posti nella posizione prestabilita che si applica sul retro del documento originale o si allega con un foglio allo stesso. Ogni paese scrive le informazioni in lingua ufficiale, in caso di traduzione di documenti che contengono l’Apostille, la stessa dev’essere tradotta.

Apostille

  1. Statopresso il quale è reato il documento
    Il presente atto pubblico
  2. è stato firmato daNome e Cognome di chi ha firmato il documento sul quale viene apposto il Timbro 
  3. operante in qualità di incarico di chi ha firmato il documento
  4. è munito del sigillo/bollo ditrascrizione del timbro dell’ufficio che siglato il documento 
    Attestato 
  5. inluogo, città nella quale si appone l’Apostille 
  6. ildata 
  7. datitolo e/o incarico di chi firma l’Apostille 
  8. col numeronumero
  9. Sigillo/bollodell’ufficio presso il quale si rilascia l’Apostille
  10. Firmadell’Ufficiale

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *